Background Image

Piatto tipico barlettano: La colva di Barletta

La colva di Barletta: un dolce corposo e ricco

Sin dai tempi più remoti la colva di Barletta è un dolce preparato in occasione del giorno dei morti. Tra i piatti tipici barlettani si tratta di un cibo piuttosto ricco e corposo, data la preponderanza di frutta secca ed essiccata. Si utilizzano ingredienti di stagione e primizie autunnali. Ecco la ricetta per preparare questo dolce delizioso.

Ingredienti per preparare la colva di Barletta

• 500 gr di grano da cuocere
• 150 gr di gherigli di noci
• 150 gr di mandorle
• 150 gr di nocciole
• 150 gr di fichi secchi
• 200 gr di cioccolato fondente almeno al 75%
• 2 “granate” di melograno
• Uva sultanina
• Vincotto

Preparazione della colva di Barletta

Il 31 ottobre, due giorni prima della consumazione, mettere il grano in ammollo. Il 1 novembre cuocere il grano in acqua bollente e, una volta cotto, lasciarlo in acqua.
Il giorno della preparazione del dolce mettere l’uva sultanina a bagno con acqua e rum per una decina di minuti. Una volta rinvenuta, scolarla e strizzarla.
Tostare le mandorle sgusciate e tritarle assieme ai gherigli di noci e alle nocciole.
Tagliare il cioccolato a pezzetti e sbucciare accuratamente il melograno, eliminando la pellicina di ogni chicco.
Scolare ora il grano, metterlo in una terrina e unire il trito di frutta secca, i pezzetti di cioccolato, i chicchi di melograno, l’uvetta e i fichi tagliati almeno in quattro parti. Particolarità che impreziosirà questo dolce: il vincotto.

Cenni storici sul vincotto

Il vincotto era prodotto sin dai tempi degli antichi Romani. Essi usavano bollire il mosto d’uva e conservarlo in modo da poterlo meglio trasportare. A seconda del modo di produzione e del grado di riduzione, il vincotto era chiamato defrutum possum o caroleum.
Il vincotto era utilizzato come ingrediente per arricchire carni ed edulcorare torte. Veniva altresì mescolato al miele, prima che fosse introdotto l’utilizzo dello zucchero di canna.
Il vincotto era usato anche come sorta di bibita energetica, diluito in acqua, o come vino fortemente inebriante.
Nel corso dei secoli, questo prodotto si è sviluppato in differenti versioni di maggiore qualità e raffinatezza culinaria. Si tratta di mosto di uve rosse portato a bollore.
La preparazione del vincotto richiede molte ore fino a che esso si riduca del tutto e diventi denso. La sua consistenza è pregiata e fondamentale per addensare impasti disomogenei, come appunto quello della colva di Barletta.

Si ringrazia per la fotografia Ezio Totorizzo, titolare del portale :  http://www.spezio.it/colva-ricetta-puglia/

 

GUIDA:

Piatto tipico barlettano: Mostarda pugliese

Piatto tipico barlettano: La colva di Barletta

Piatto tipico barlettano: Calzone di sponsali

barlettatimeout.com

barlettatimeout@gmail.com

Nessun commento

Siamo spiacenti non è possibile commentare al momento.

X