Background Image
Basilica del Santo Sepolcro, Corso Vittorio Emanuele, Barletta, BT, Italia
Descrizione
:Array

Basilica del Santo Sepolcro, XII secolo

77 Corso Giuseppe Garibaldi Barletta

 

Basilica del Santo Sepolcro, XII secolo

 

Le notizie più antiche riguardanti la Chiesa del S. Sepolcro risalgono al 1061: in una lettera dell’Arcivescovo Bisanzio, infatti, si parla di alcune concessioni e privilegi conferiti alla chiesa che già esisteva nel sobborgo di S. Sepolcro.

Si è certi che l’attuale chiesa sia stata costruita su un’altra più antica che si trovava fuori le mura della città “extramoenia”. Nel 1162, in pieno periodo normanno, avvenne l’allargamento della cinta muraria fino ad inglobare l’edificio “intramoenia”.

La chiesa è ubicata alla confluenza di due importanti strade: una per Canosa, l’altra verso Salpi, collegata alla via Francigena che i pellegrini percorrevano nell’itinerario verso la Terra Santa; divenne, quindi, un importante crocevia per crociati e pellegrini che trovavano alloggio e ristoro nell’Ospedale dei Pellegrini adiacente alla chiesa.

Nel XVI secolo fu annessa ai Cavalieri di Malta. La sua struttura architettonica è di stile Romanico-Pugliese del secolo XII-XIII, con influssi orientali e borgognoni.

FONTE http://www.pugliaimperiale.com/turismo/wheretogo/beniculturali/content.asp?art=44

 

La chiesa del Santo Sepolcro si trova nell’antico borgo omonimo. Probabilmente sorge sulle vestigia di un antico tempio romano. La chiesa fu costruita nel XII sec su precedente costruzione del XI sec e rivolta verso Oriente, cioè verso i Luoghi Santi. Sulla grande piazza che c’era sul fronte laterale che dava sull’antica via della Selleria, oggi Corso Garibaldi, si teneva un mercato. Sotto gli Angioini proprio su questa piazza fu concesso lo svolgersi annuale della Fiera di San Martino, dall’11 al 18 novembre. Attigue alla chiesa erano l’Ospedale dei pellegrini, dove venivano alloggiati e curati i pellegrini che transitavano dalla città per i Luoghi Santi,e la Casa dei Canonici, che comunicava con la chiesa. La chiesa del Santo Sepolcro è strettamente legata alle crociate, soprattutto perché Barletta era un porto di scalo per i pellegrini e per i soldati che andavano e venivano dalla Terra Santa. È l’unico esempio in Italia di chiesa a “culto incrociato”, per la presenza di due altari maggiori. Sono conservati nel suo interno una Croce patriarcale, un Rituale, una Pisside a forma di colomba, un Ostensorio, una icona del XVI sec dipinta da Donato Bizamanos raffigurante una Madonna Odeghitria detta della “tenerezza”, diversi affreschi e dipinti.

FONTE http://www.prolocobarletta.it/

 

Aperto tutti i giorni: Orari di culto

Ingresso Gratuito

Servizi Disponibili: visite guidate

Categorie
Chiese
Nessuna Recensione

Inserisci un commento

Scrivi una recensione

Basilica del Santo Sepolcro, Corso Vittorio Emanuele, Barletta, BT, Italia

Ottieni indicazioni
Chiedi informazioni
X