Background Image

la storia del vino a Barletta

Parlare della storia del vino è un po’ come parlare della storia dell’umanità. Infatti, risulta  difficile tracciare con precisione il suo corso: ogni civiltà, ogni impero, ogni vicenda politica e di potere ha avuto le proprie storie di vino, più o meno legate agli eventi stessi che hanno delineato il corso della storia.

Non vogliamo né tanto meno pretendiamo con questo articolo di aggiungere qualcosa a quanto già scritto o detto da illustri esperti di tutto il mondo.

L’Italia è senza dubbio un paese straordinariamante vocato alla viticoltura (non dimentichiamo che i Greci la chiamavano Enotria, terra del vino). Purtroppo però questa vocazione del territorio non è stata mai sfruttata appieno. Pesano come un macigno le parole di quel viticoltore francese che negli anni ’50 disse al grande Veronelli: “Voi da uve d’oro fate vini d’argento, noi da uve d’argento facciamo vini d’oro”. Forse aveva ragione. Basta pensare come dal Medioevo ad oggi in molte zone d’Italia sia cambiato ben poco nel modo di allevare viti e fare vino. Per i più, vige ancora la cultura del “vino del contadino” come massima lussuria enologica, finendo per scambiare per buon vino prodotti instabili e spesso maleodoranti. Anche se da alcuni anni, qualcosa forse sta cambiando. Infatti, sempre più aziende cominciano a lavorare sulla qualità, sulla bassa resa per ettaro e sull’applicazione di criteri scientifici in fase di vinificazione. Così al fianco dei grandi marchi,  stanno sorgendo una gran quantità di vini eccellenti che nulla hanno da invidiare ai grandi vini francesi. Il potenziale dell’Italia vitivinicola è immenso e le aziende l’hanno capito. D’altra parte i consumatori si dividono ancora in “bevitori” e “degustatori”, i primi (ancora la maggioranza) affezionati al vino della casa e un po’ incuranti della qualità, i secondi più consapevoli del fatto che il vino può essere un’opera d’arte.

barlettatimeout.com

barlettatimeout@gmail.com

Nessun commento

Siamo spiacenti non è possibile commentare al momento.

X